Cai Latina
 

Indice
IMPRESSIONI DI...... VIAGGIO

domenica 21 dicembre 2014

Torre Paola - Peretto - San Felice e Museo del Mare e della Costa di Sabaudia

Domenica 21 giugno l'escursione sociale del CAI di Latina ha percorso una montagna cara a tutti i pontini e amata e conosciuta in tutta Italia : è il Promontorio del Circeo, percorso sia nel quarto Freddo che nel Quarto Caldo e sulla cresta da diversi sentieri , alcuni tradizionali segnati dal CAI, altri aperti dal Corpo Forestale dello Stato.
Il Promontorio del  Circeo è parte integrante del Parco Nazionale  del Circeo e il sentiero scelto percorre tutto il promontorio nella sua lunghezza, partendo da Torre Paola ed arrivando al paese di San Felice Circeo. Come completamento dell'escursione che, oltre ad immergersi nella natura si proponeva di  far conoscere  un versante della montagna solitamente poco conosciuto, c'è stata la visita al Museo del Mare e della Costa di Sabaudia.
Si parte da Torre Paola proprio là dove la montagna incontra il mare, dopo aver lasciato sulla sinistra i sentieri che salgono verso il Picco Circe, si prende un sentiero detto "della Regina" che per un lungo tratto costeggia  degli uliveti. Verso la fine il sentiero gira verso destra salendo di quota fino ad arrivare a dei resti archeologici.
Un muro in "opus reticulatum" si mostra infatti, d'improvviso, nella salita, proseguendo si può osservare la grande cavità di un'antica cisterna romana, quasi intatta nella sua struttura. E' uno spettacolo davvero bello trovare dei resti di antiche costruzioni romane nel mezzo del bosco, Il Promontorio del Circeo è ricco di testimonianze di antichi insediamenti a partire dal periodo del Paleolitico (il famoso cranio dell'uomo di Neandrethal di grotta Guattari) fino all'epoca romana  romana ed altre più recenti, testimoniate dai muri a secco che si trovano nella zona di Peretto.
Il sentiero che nella seconda parte è denominato appunto del Peretto passa in mezzo a delle sughere a volte davvero spettacolari. Dall'area denominata Peretto si prosegue su strada fino al paese di San Felice.
E' una bella giornata di sole e ci rechiamo nel bello spazio verde panoramico di Vigna La Corte dove visitiamo  un presepe realizzato in un anfratto naturale, con alle pareti oggetti di uso quotidiano delle popolazioni contadine. Davanti a noi c'è il mare con la lunga linea di costa che finisce a Terracina e alle spalle il Promontorio verde.
A coronamento di questa bella escursione visitiamo il Museo del Mare e della Costa, con una visita guidata da parte del Direttore del Museo dr.Armando Macale. Il Museo realizzato dallo studioso Marcello Zei è davvero un piccolo gioiello che testimonia l'importanza del sito del lago di Paola e del Promontorio del Circeo a livello biologico,paleontologico e archeologico.
La sezione Bio-naturalistica ospita organismi marini tipici del nostro mare e dalla vicina isola pontina di Zannone: spugne,coralli echinodermi,crostacei,alghe marine, oltre un'esposizione malacologica con esemplari esotici.
In altre vetrine sono presenti numerosi materiali litici, con punte di freccia,raschiatoi e diversi manufatti di ossidiana, della cui produzione nella vicina isola vulcanica di Palmarola  è mostrata la produzione e il commercio lungo la penisola italica.
Sono inoltre visibili altri materiali come anfore,ceppi di ancore, fibule, diverse monete romane, tutti ritrovati in questo territorio. Bellissime poi due teste di arte "romana-ellenistica" come la testa del filosofo greco e quella di donna con acconciatura.
Un bellissimo Museo che andrebbe conosciuto e valorizzato perché mostra la storia di un territorio eccezionale per la sua storia e i suoi valori naturalistici.

Maria Di Tano
  Vai a inizio pagina